Sri Lanka #4 – I Denti finti del Buddha

img_3073

Da Haputale a Kandy non si può non andare in treno (210 Rs). La tratta è una delle più affascinanti di tutto lo Sri Lanka. Passa attraverso le montagne e costeggia le piantagioni di tè offrendo panorami pazzeschi anche per me che soffro un po’ di vertigini. L’unico neo è che treni ce ne sono pochi e quindi l’affollamento è garantito, se poi come noi decidete di non prenotare in anticipo le carrozze di prima classe, state pur certi che le 8 ore di viaggio ve le farete per gran parte in piedi. Soprattutto se, come noi, a Kandy decidete di arrivarci nell’unica sera dell’anno in cui si trasforma nel centro dei pellegrinaggi buddhisti di tutta l’Asia: l’ultimo giorno della grande Hesala Perahera, ossia la grande parata che porta in giro per la città il Dente di Buddha, la reliquia buddhista più importante al mondo. Ci prepariamo per salire sul treno come fossimo in battaglia: osservazione dei locali per capire le loro mosse, divisione dei ranghi secondo la strategia ognuno-per-sé-Dio-per-tutti, che statisticamente dà più probabilità di riuscita, e posizionamento strategico vicino agli altri turisti, secondo l’altra ben nota strategia i-locali-non-li-freghi, quindi cerca una vittima alla tua portata, normalmente anziani o coppie di mezza età. Meglio stare lontani dalle famiglie con bambini, i genitori trovano energie insospettabili quando si tratta del benessere dei propri figli. Alla fine riusciamo a trovare un posto su quattro, finchè dopo qualche ora un’intera famiglia che sta per scendere ci fa segno di prendere i loro posti: una gentilezza sorprendente, ma all’ordine del giorno in Sri Lanka.

Tornando alla parata, in realtà, il dente “vero” non si muove dal tempio in cui è custodito: tutta la parata viene fatta con tante copie, che comunque non vengono mai mostrate. E dato che tutta questa pudicizia a noi occidentali non ci è proprio familiare, 1407766615802tutti noi quattro rimaniamo un po’ perplessi: tutto quel casino per dei denti finti! 
La sfilata in sé non è male: i denti sono portati in groppa ad elefanti enormi tutti ricoperti di tessuti colorati e lucine che rendono perfettamente l’atmosfera festosa: la gente, però, non sembra entusiasta, rimane molto composta, in un atteggiamento eccessivamente devoto: sarà che veniamo da un Paese in cui le emozioni si esprimono con una foga esagerata in qualunque occasione, ma non riusciamo a farci prendere. Tentiamo una maldestra fuga, senza considerare che siamo al centro del percorso circolare della parata e i poliziotti non ci permettono di uscirne fino alla conclusione, intorno a mezzanotte passata.

La nostra guesthouse Greenwoods, prenotata su consiglio dei nostri compagni di viaggio temporanei, si rivela una scelta eccellente: economica, vicina al centro della città, seppur affacciata sulla giungla, ottima colazione e la migliore camera di tutto il viaggio, dopo quella di Galle. La mattina mentre facciamo colazione vediamo anche una fila di circa 30 scimmie che dalla giungla si avviano verso la città e si fermano a spulciarsi proprio sul balcone della sala comune: (almost) into the wild!

Quel giorno come di rito ha piovuto; eh sì perché come ci ha spiegato il nostro padrone di casa, la parata è una tradizione centenaria che ha come obbiettivo la pioggia. Non so come sia andata in passato, ma devo dire che noi ce la siamo beccata tutta, la tanto desiderata pioggia. Così rinunciamo alla visita ai giardini botanici di Peradeniya, e optiamo per l’asciutto tempio del Sacro Dente (2000 Rs). Premettiamo che, sarà un mio problema ma i templi e l’iconografia buddhista non mi sconvolgono: non riesco ad estraniarmi completamente per minuti interi osservando uno stupa o una statua del Buddha nella posizione del fiore di loto, cosa che non andrà a mio vantaggio durante le visite al distretto culturale di Polonnaruwa. Però devo ammettere che il tempio del Sacro Dente vale una visita anche se non siete amanti dell’arte buddhista. Il palazzo è grande e al centro ospita il sacro Dente di Buddha talmente impacchettato nelle sue poliedriche e decoratissime protezioni da rimanere invisibile agli sguardi di turisti e pellegrini: in reltà anche fosse stato visibile la coda per ammirarlo è talmente lunga che non è possibile sostare davanti al reliquiario per più di 15 secondi esatti senza essere gentilmente invitati a proseguire da uno specifico addetto munito di cronometro. I giardini circostanti sono grandi e ben curati e durante i giorni della Parerha ospitano gli elefanti che si possono osservare non incatenati, almeno qui!

Più per il panorama sulla città, invece, consiglio una visita al tempio situato sulla collina di Kandy: anche senza il nome lo troverete facilmente visto che è sovrastato da una statua bianca del Buddha alta come una casa da 4 piani e si vede da ogni punto della città. Dopo la sfacchinata per raggiungerlo se vi viene fame, tornate sui vostri passi fino ai piedi della collina: all’incrocio sulla destra troverete un posticino vegetariano, con in vetrina una signora sorridente che cucina qualcosa di vagamente simile a crepes: sono masala dosa, deliziose crepes di lenticchie e riso condite con verdure freschissime saltate in padella e speziate. Spero vi piaccia il piccante!  

Post collegati: Sri Lanka; Sri Lanka #1 – Com’è cominciata; Sri Lanka #2 – “E ricorda, un elefante non dimentica niente!”; Sri Lanka #3 – Indovina chi viene..per il tè; Sri Lanka #5 – STUPAAAAA!!!

Annunci

Indonesia #1 – Una fastidiosa compagna di viaggio

ovvero quando la sfortuna ti si insinua in valigia.

DSCF9446

Questo è stato uno dei viaggi più movimentati della mia vita; l’ho detto. E dato che il buongiorno si vede dal mattino, anche l’inizio ci ha riservato qualche sorpresa logistica. Un’incomprensione con la nostra agenzia di viaggi preferita, Cercavacanze (faccio un po’ di pubblicità, perdonatemi!), ci costa uno scalo a Doha lungo una notte intera. Per fortuna la mitica Debby si fa perdonare subito, offrendoci una camera spaziale al Mövenpick, uno degli alberghi più fighi di Doha. Mica per niente sono i miei preferiti ;D Così facciamo buon viso a cattivo gioco e ci concediamo un po’ di lusso prima delle levatacce che ci attendono. Il mattino successivo, dopo una colazione da re, ripartiamo in direzione di Java.

Arriviamo a Jakarta di sera con l’intenzione di restarci il meno possibile: dai racconti di altri viaggiatori gli aggettivi più ricorrenti per descriverla sono dispersiva, trafficatissima e deludente. Non proprio incoraggianti, dunque.

Anche il primo incontro che facciamo appena usciti dall’aeroporto non è propriamente incoraggiante: il tassista che ci carica non ha idea di dove sia il nostro hotel, che in realtà è a meno di dieci minuti dall’aeroporto, e senza mai accendere il navigatore o ascoltare le nostre indicazioni – santo Google Maps! – inizia a girovagare senza meta per quella che sembra più di mezz’ora. Dopo aver visto lo stesso isolato per tre volte senza arrivare a nulla, ci facciamo più insistenti finché lui non si arrende a seguire i consigli di questi due stranieri e del loro aggeggio infernale. In cinque minuti siamo di fronte all’ingresso dell’hotel e il nostro tassista ha il coraggio di chiederci una maggiorazione perché ha fatto molta più strada rispetto a quello che pensava inizialmente. Non parliamo di grosse cifre, come sempre in Asia, quindi potremmo accontentarlo e chiudere così quella situazione spiacevole. Ma siamo stanchi e di cattivo umore e ci disturba il modo intransigente in cui il tassista evidentemente in torto pretenda di essere comunque pagato di più, solo perché siamo occidentali. Il risultato è che rischiamo di vedere i nostri zainoni sparire nella notte buia di Jakarta insieme al tassista indispettito. Per fortuna ci viene in soccorso la guardia del nostro hotel, che si avvicina e dopo averci chiesto qual è il problema, parla al tassista in indonesiano. Solo a quel punto lui si arrende e sempre mugugnando mezzo in indonesiano, mezzo in inglese, apre il bagagliaio.

Ok, siamo tutti d’accordo che non si giudica una città dal primo episodio frustrante che capita, ma, sarà la stanchezza, o la notte buia della periferia di Jakarta, ma quando poco dopo ci addormentiamo nella nostra camera da motel, non siamo dispiaciuti di non approfondire oltre la conoscenza di questa città.

Così non appena c’è luce ripartiamo con il primo volo AirAsia verso la nostra prima vera meta del viaggio, Yogyakarta, la capitale culturale di Java, che raggiungiamo, freschi e riposati, dopo “solo” due giorni di viaggio.

Yogyakarta

DSCF9359

Non sono una persona mattiniera, non lo sono mai stata. Figuriamoci in viaggio. Eppure ricorderò per sempre l’Indonesia come il viaggio in cui ho visto più albe di tutta la mia vita. Come mai questo cambio di rotta? Semplice: paura. Mi spiego meglio. Dopo lo stop di una notte a Doha, dopo i due giorni di viaggio e il jet lag ancora in canna, dopo l’incontro con il tassista ruba-zainoni di Jakarta, arrivati Yogya ci permettiamo un sonnellino dopo pranzo prima di partire alla volta del centro storico, pensando di aver ormai scontato la nostra dose di bad luck. E invece, questo sonnellino si rivelerà un azzardo che ci costerà caro. Eh sì, perché a Yogyakarta, ma scopriamo che questa è un’abitudine di tutta l’Indonesia – per lo meno quella che visiteremo noi – tutte le attrazioni turistiche chiudono alle 16. E così addio Kraton, il Palazzo del Sultano; non riusciremo mai a vedere lo splendore dei tuoi lussuosi corridoi, degli spaziosi cortili interni e i tocchi europei che impreziosiscono i decori Javanesi dei tuoi ricchi padiglioni. Tanti cari saluti Pasar Ngasem, Mercato degli Uccelli; quando arriviamo noi tutti gli uccelli buoni sono stati venduti e quelli invenduti restano zitti nelle loro gabbie per far credere a tutti di non essere più lì. Persino il Taman Sari, Palazzo d’acqua, che un tempo serviva da fresco rifugio al Sultano e al suo entourage, sta chiudendo e non ci fanno più neanche avvicinare all’ingresso.

Capite che dopo un simile trauma, la sveglia prima dell’alba per tutto il resto del viaggio ci è sembrata un’opzione sensata.

Ma tornando al Taman Sari: come vi dicevo, ci stiamo per arrendere e tornare sconsolati nella piazza principale davanti al Kraton, dove già pianifichiamo di passare a turno tra i due alberi giganti che si stagliano in mezzo alla piazza, nella speranza di allontanare questa bad luck che ci sta perseguitando dall’inizio del viaggio – secondo il folclore locale, infatti, dovrebbero portare fortuna a chi è abbastanza temerario da attraversarli. Ma proprio mentre ci stiamo allontanando con lo sguardo dei cagnoloni appena sgridati dal padrone, un arzillo vecchietto si avvicina con fare baldanzoso: “Volete vedere le piscine reali?” “Ma sono chiuse” replichiamo noi. “Non preoccupatevi, venite con me che conosco un’altra entrata. Casa mia confina proprio con il Taman Sari, venite, venite!”.

Ora: sappiamo che ci sta fregando. Sappiamo che se ci va bene vuole semplicemente venderci qualcosa. Se ci va male, bè, i suoi nipotini saranno dietro l’angolo pronti a derubarci. Ma considerata l’altezza media degli indonesiani, a cui il nostro arzillo vecchietto non sfugge, e considerato che le mie due guardie del corpo sono alte quasi due metri, decidiamo di correre il rischio. Ed è a questo punto che la nostra bad luck inizia a svanire.

DSCF9406

Il nostro arzillo vecchietto vuole effettivamente venderci la sua paccottiglia turistica, che non degniamo del minimo sguardo, e chiaramente non ha le chiavi della porta sul retro del Taman Sari. Ma si dà il caso che il suo terrazzino confini con le piscine più belle del Palazzo d’Acqua e lui orgogliosissimo ci permette di buttare un occhio all’interno del luogo dove per generazioni i sultani Javanesi venivano a rilassarsi e rinfrescarsi, nel momento della giornata in cui la luce dorata del tramonto si riflette sulle piscine azzurre, trasformando l’acqua cristallina in verde smeraldo. Ci permette di vederle nel momento in cui mai avremmo potuto vederle, se avessimo seguito i canali regolari di visita. Totally worth it! Per questo una bella mancia all’arzillo vecchietto non l’ha tolta nessuno.

DSCF9447

Tornando verso casa ci fermiamo nella piazza di fronte al Kraton, che nel frattempo si è popolata di famiglie e gruppi di ragazzi e di anziani che fanno pic-nic sul manto erboso di fronte al palazzo del sultano. È già buio e le uniche luci che ci circondano sono degli scheletri di auto illuminate da led coloratissimi che girano ossessivamente la piazza a mo’ di giostra, portando giovani coppie, famigliole con bambini e impavidi turisti occidentali. Il morale torna alto, ma giusto per non rischiare, in mezzo a quello spettacolo luccicante, ci mettiamo in fila uno per uno e, al nostro turno, attraversiamo i due alberi in mezzo alla piazza.

Domani non potrà che essere un giorno fortunato!

Post collegati: Indonesia – Java, Bali e Isole Gili; Indonesia #2 – TBD; Indonesia 3# – TBD

Vietnam e Cambogia #4 – I vizi della Capitale: caffè, skybar e crociere sul Mekong

“Stiamo dunque attraversando un braccio del Mekong, sul traghetto tra Vinhlong e Sadec, nella grande pianura di fango e di riso del sud della Cocincina, la pianura degli Uccelli.

Scendo dall’autobus, mi avvicino al parapetto, guardo il fiume. Mia madre mi dice a volte che mai, in tutta la vita, vedrò fiumi belli come questi, grandi, selvaggi come il Mekong e i suoi bracci che scendono verso gli oceani, distese d’acqua che spariscono nelle profondità degli oceani. Nel paesaggio piatto a perdita d’occhio questi fiumi scorrono veloci, si riversano in mare come se la terra si inclinasse.”

L’Amante – Marguerite Duras

Saigon

imgp6781

Ho Chi Minh City, o Saigon, se vogliamo chiamarla con il suo elegante nome più antico, è, come ci si aspetterebbe da una capitale, effervescente e dinamica, ricca di contrasti con i suoi palazzi storici e grattacieli avvenieristici, musei a ricordo degli eventi tragici che hanno caratterizzato il Paese nel recente passato e un’aria frizzante di continuo fermento che la proietta dritta verso il futuro. Anche i riferimenti cinematografici sono ovunque: per esempio uno dei locali più conosciuti è l’Apocalypse Now.

Per me, però, rimarrà per sempre la città dove ho scoperto il caffè vietnamita: una prelibatezza declinata in innumerevoli varianti, ma con delle caratteristiche note di cioccolato che, unite alla dolcezza del latte condensato e al sapore deciso del caffè, ti avvolgono in un momento di lussuria vera. Sì nella mia mente di ghiottona la gola e la lussuria vanno di pari passo, è così. Questo caffè ve lo servono praticamente in tutti i bar e i ristoranti di Saigon: c’è addirittura una catena di caffetterie, Trung Nguyen Coffee, che serve tra le altre cose il leggendario ca phe chon, i cui chicchi vengono recuperati integri dalle feci delle donnole; se vi interessa provarlo chiedete del n. 8, ma vi avviso che è il più caro tra tutte le varietà. Nel piccolo shop adiacente, invece, si può comprare il caffè macinato o in chicchi e il bricchetto apposito per la preparazione; scordatevi pure la nostra moka.

Chiaramente non si vive di solo caffè, quindi tra una pausa in caffetteria e l’altra siamo riusciti anche a visitare un po’ la città. Uno dei modi migliori di ammirarla è imgp6577sicuramente sorseggiare un drink in uno degli innumerevoli Skybar all’ultimo piano di hotel e grattacieli del centro. Noi siamo stati al Saigon Saigon, all’ultimo piano del Caravelle Hotel, con tavolini anche all’aperto e una vista com’è d’obbligo mozzafiato. Peccato per i drink che assomigliavano più a succhi di frutta. Ho poi scoperto, girando un po’ fuori dall’Italia, che la cosa è piuttosto comune, specialmente in Asia, dove onestamente la tradizione dei cocktail non esiste.

Questa zona è anche ricca di negozietti di artigianato e antiquariato: proprio uscendo dal Caravelle Hotel, al 48 di Đông Du Street, noi siamo incappati nel Tara and Kys Art Gallery, un negozietto molto interessante dove abbiamo comprato una stampa in stile fumetto raffigurante la vecchia Hanoi, che ancora oggi troneggia nel nostro minuscolo salottino.

Di giorno, invece, abbiamo deciso di perderci tra le viuzze della vecchia Saigon, seguendo uno degli itinerari proposti dalla nostra fedele Lonely Planet. Siamo partiti dal mercato di Ben Thanh, il mercato più famoso della città: è certamente una delle attrazioni turistiche più visitate e, per questo, in quanto a veridicità non è neanche imgp6552lontanamente paragonabile ai mercatini che avevamo visitato nella zona del Black River. Nonostante questo resta interessante per il contrasto tra la posizione iper-centrale tra i grattacieli e la tipica aria decadente delle bancarelle rumorose, multicolore e addossate l’una all’altra. In più si possono trovare i frutti più disparati e deliziosi, tra cui anche il famigerato Durian, quello dalla tipica forma a pallone da football e il sapore di formaggio: se non avrete il coraggio di provarlo consolatevi ricordando che anche i locali o lo amano alla follia o lo detestano imperituramente; con il Durian non esistono mezze misure! Noi per non sbagliare, abbiamo ripiegato su rambutan, dragon fruit e mango, pur sempre esotici, ma più vicini alla nostra idea di frutta.

Poi, visto che ci affascinano i fiumi e i canali che attraversano le città, ci siamo diretti verso il lungo-fiume: se avete visto quello di Bangkok probabilmente rimarrete delusi, visto che le rive del fiume non sono ricche di negozietti e localini, almeno in questo punto, e in più la strada principale corre proprio lì accanto, caotica e rumorosa.
Siamo rientrati quasi subito verso l’interno alla ricerca del Teatro Municipale, un maestoso palazzo coloniale in stile belle époque, e della statua di Ho Chi Min, che ancora oggi è talmente amato dai vietnamiti da essere raffigurato praticamente ovunque, specialmente a Saigon. Per dirne una, nell’edifico che ospita le Poste Centrali, progettato da Gustave Eiffel, sì proprio quello della torre parigina, è appeso un enorme mosaico raffigurante il leader rivoluzionario, circondato da mappe storiche sul Vietnam del Sud.

Il nostro giretto si è concluso al ristorante Hoa Tuc, a pochi minuti a piedi dal Palazzo del Comitato del Popolo. Il locale si trova in un cortile interno, un po’ nascosto, che vi farà dimenticare i rumori cittadini. I calamaretti con salsa al tamarindo erano spettacolari, come anche il caffè vietnamita, una spanna sopra quello più industriale della catena Trung Nguyen Coffee.

Delta del fiume Mekong

imgp6679

Dopo solo un giorno e mezzo speso a rifamiliarizzare con il contesto urbano, abbiamo sentito nuovamente il richiamo della natura, che vicino a Saigon non può che tradursi in un’escursione sul delta del Mekong: dopo aver girato come dei dannati tra le migliaia di agenzie turistiche che offrono gli stessi identici pacchetti e aver letto svariate recensioni su internet, abbiamo optato per un 2 giorni/1 notte offerto dall’agenzia Innoviet.

Siamo partiti con il battello per raggiungere la sponda più selvaggia del fiume dove abbiamo continuato tra canali, giunchi e palme con una barchetta a remi fino ad
arrivare nella zona di Vinh Long, dove una famiglia del luogo ci ha ospitato per pranzo. Nel pomeriggio abbiamo fatto un bel giro in bicicletta passando tra canali, pagode e villaggi tipici fino all’ora di cena, quando siamo rientrati per aiutare i nostri padroni di casa a cucinare per tutti. Dopo cena, esausti, ci siamo addormentati di sasso nel nostro bunker: onestamente non si poteva definire camera, visto che eravamo rinchiusi dentro un cubo di cemento armato con tetto di lamiera su cui si sentivano correre gli animali, che voglio pensare non fossero ratti.

Il giorno dopo sulla via del ritorno, ci siamo fermati per visitare un mercato galleggiante, imgp6737che purtroppo è stata una delusione: mi ha dato l’impressione di essere stato quasi ricreato apposta per i turisti: un peccato.

Con il senno di poi e paragonandolo ai tour che abbiamo fatto nel Nord del Vietnam, forse una giornata poteva essere sufficiente. Nonostante questo continuo a pensare che dei piccoli compromessi a volte sono necessari per riuscire a immergersi anche solo per poche ore e in un contesto edulcorato, nella vita delle persone che giorno dopo giorno abitano quei luoghi e che contribuiscono a plasmarli.

Così è finita la nostra prima avventura asiatica e devo dire che ci resterà per sempre impressa nella memoria.

E a voi quale parte del viaggio ha intrigato di più? Scrivetemelo nei commenti qui sotto.

Al prossimo viaggio!

Post collegati: Vietnam e Cambogia; Vietnam e Cambogia #1 – Tre giorni ad Angkor Wat; Vietnam e Cambogia #2 – Vietnam del NordVietnam e Cambogia #3 -Due treni, tre biciclette e un battello

Malaysian Life #1 – Miti da sfatare e piccole conferme

episode-2.jpg

13/11/2015 – Sono atterrata all’aeroporto di Kuala Lumpur dopo poco più di 13 ore di volo, senza contare lo scalo a Istanbul. La Malesia è lontana. Non che prima non lo sapessi, ma dopo 13 ore di volo completamente da sola, l’informazione, da pura e semplice, si fa consapevolezza profonda.

Per fortuna agli Arrivi dell’aeroporto internazionale, che in in un futuro non troppo lontano avrei rivisitato innumerevoli volte, mi aspetta Chiara, con cui ho lavorato più di un anno prima a Torino. Insieme a lei c’è buona parte dello staff Relazioni Internazionali dell’Università di Kuala Lumpur, anche detta UniKL. Il benvenuto è caloroso: tutti sorridono, sembrano sinceramente contenti di avermi lì, si presentano come pura formalità e ho già la sensazione di far parte di un gruppo. In realtà, loro sono lì perché aspettano un collega che non si è sentito bene durante un viaggio di lavoro e, coincidenza, arriva con un volo quasi contemporaneo al mio. Ma io questo non lo posso sapere, e menomale, perché in quel momento il mio cuore si allarga e i nervi si distendono: sì, casa mia è lontana, ma questo posto mi accoglie in un modo quasi familiare.

Usciamo dalla bolla condizionata degli Arrivi dell’aeroporto e tutti i miei pori si preparano al famigerato caldo-umido equatoriale. Ha anche smesso di piovere da poco, cosa che normalmente nel Sud-Est Asiatico significa temperatura percepita “Hammam”. Assecondo i pori e mi preparo anche psicologicamente all’impatto con il muro di umidità: se voglio vivere ai tropici a questo dovrò abituarmi in fretta – mi ripeto nella mente. Varco la porta a vetri dell’uscita e, sorpresa, mi ritrovo a pensare alle sere d’estate a Torino. Sarà colpa del cambiamento climatico, ma la differenza non è poi così marcata. L’effetto più evidente è l’uso moderato dell’aria condizionata nei luoghi chiusi: nell’auto che ci porta in centro si sta benissimo e, ora che ci penso, anche dentro l’aeroporto non c’era il gelo tipico dei condizionatori a mille (questo giudizio lo rivedrò in seguito, ma non voglio anticiparvi nulla!).

Quando io e Chiara entriamo nel Mall interno delle Petronas per mangiare un boccone, la sensazione è la stessa: si sta bene! Mangiamo in un ristorantino malesiano consigliato dai colleghi di Chiara: cibo ottimo ed economicissimo, spendiamo 10 euro in due nell’ombelico di Kuala Lumpur. Per una golosona come me la cosa non può che portare alle stelle l’umore già alto. L’inizio è veramente a bomba!

Rientro in stanza sovrappensiero, tutta emozionata per queste belle sorprese che mi ha riservato la mia prima serata a Kuala Lumpur e quasi non mi accorgo del bacarozzo che mi taglia la strada trotterellando pacioso da una parte all’altra della camera. Corro a chiudere tutti i bagagli per evitare spiacevoli incontri futuri, ma sono ancora sorprendentemente di buon umore: gli insetti qui la fanno da padrone, lo sapevo che questi incontri sarebbero stati quasi quotidiani, quindi sarà meglio abituarsi in fretta!

Con la coda dell’occhio, intanto, intercetto lo specchio dell’armadio: ditemi che quella massa informe marrone NON sono i miei capelli! Dov’è finito il mio caschetto alla francese? E soprattutto, da quanto tempo sto andando in giro con un furetto addormentato sulla testa?? Nemica umidità, tu non mi piegherai: missione di domani, comprare una piastra per capelli e che sia buona!

Sri Lanka #3 – Indovina chi viene..per il tè

Quando arriviamo ad Haputale, dopo il viaggio in bus più provante di tutta la vacanza, siamo sfatti, sudati e impazienti di insediarci nella nostra nuova sistemazione. Purtroppo capiamo immediatamente che trovarla non sarà semplice come immaginavamo. La nostra prima scelta è lo SryLak View, alberghetto con vista mozzafiato e terrazza erbosa, consigliato dalla nostra guida. I due ragazzi che incontriamo alla stazione provano ad avvisarci: “it’s fully booked” cantilenano in coro mentre cercano di portarci alla guesthouse dei loro cugini. Ma noi non ci fidiamo e andiamo a sentircelo dire direttamente dal receptionist: “it’s fully booked”. Senza se e senza ma. Dopo un po’ di insistenza riusciamo a scucirgli che la notte successiva hanno una camera libera, ma, testardi come pochi, decidiamo di non prenotare subito. Dopotutto guesthouse segnalate dalla guida ce ne sono altre e per quella notte dobbiamo sicuramente accamparci in una di quelle, quindi che fretta c’è? Ha quindi inizio il giro delle sette chiese, finché dopo vari tentativi e quasi un’ora sul tuc-tuc ci sistemiamo alla Dias Rest White Monkey Guesthouse, a 3 km dal centro di  Haputale (tuc-tuc: h:00:15, 300 Rs), sulla strada per la fabbrica di tè Lipton. Scottati dalla ricerca estenuante prenotiamo subito il prenotabile (2 notti), anche se la camera che ci assegnano è tutta sottosopra perché la stanno rifacendo: niente lenzuola, ma a questo siamo preparati grazie al nostro mitico sacco-lenzuolo Decathlon e soprattutto, niente rubinetto del bagno e sciacquone difettoso. Il costo, però, è talmente modico che ci facciamo andare bene tutto. In più la famiglia è simpatica e la vista sulle piantagioni di tè è spaziale: le piante di tè si mischiano al resto della vegetazione dando vita a un verde intenso che ricopre tutte le montagne circostanti e degrada pian piano verso valle fino a scomparire nelle pianure più secche. Il silenzio intorno a noi è quasi inquietante: ogni piccolo animaletto sotto le foglie ci sembra un cobra pronto a tenderci un velenoso agguato. La cena, preparata dalla nostra famiglia adottiva singalese, sembra l’inizio di una barzelletta: “allora ci sono un singalese, un seicellese, un francese e due italiani seduti a tavola”. Non appena arriva la razione di riso con curry, però, tutti gli argomenti intavolati cadono e ci buttiamo con la testa nel piatto senza troppi salamelecchi. 

Il mattino seguente, belli riposati, partiamo verso la fabbrica Lipton e il Lipton’s seat, ossia la cima dove si rifugiava Sir Thomas Lipton ad ammirare i suoi possedimenti. 1407565684077Qui probabilmente avrà escogitato le strategie di mercato che l’avrebbero portato a essere uno dei colossi mondiali della produzione e commercio di tè. Oppure ci veniva soltanto a riempirsi gli occhi di quel verde intenso intervallato dal bianco solido delle nuvole, così raro da queste parti
e che tanto gli ricordava la sua amata brughiera inglese.
La fabbrica Lipton è molto interessante: il tour guidato ci racconta il processo di trasformazione del tè dalla raccolta delle foglie, alla selezione fino all’essiccazione che porta alla differenziazione delle diverse qualità. Alla fine compriamo anche un souvenir goloso da gustare nel freddo autunno torinese.

Al ritorno a piedi verso la guesthouse ci aspetta una sorpresa avventurosa: a metà strada vicino a un villaggetto ci sorprende un temporale. Una bambina ci vede in difficoltà e ci offre ospitalità a casa sua. Non vogliamo disturbare, ma non abbiamo scelta, siamo sotto la pioggia battente. In più siamo curiosi di vedere la casa di una tipica famiglia singalese: sì è vero la nostra guesthouse è già parecchio tipica, ma i nostri padroni di casa sono abituatissimi agli stranieri, visto che il turismo sta diventando la loro attività principale. L’esperienza è surreale: noi seduti sul divano, fradici, rigorosamente senza scarpe, a sorridere ai nostri salvatori intenti a rendere il nostro soggiorno, per quanto breve, il più piacevole possibile. Per prima cosa ci offrono il tè, qui lo servono con il latte, e poi accendono la televisione per farci vedere il video della processione del villaggio al tempio, con sottofondo di cantilena buddhista. La madre la vediamo solo per un momento: è intenta a preparare il pranzo, così noi siamo intrattenuti dai due figlioletti super sorridenti. Non vogliamo approfittare troppo della loro ospitalità quindi non appena la pioggia cala, salutiamo, lasciamo un regalo per i bambini e ci avviamo verso casa.

Il giorno dopo ci spostiamo allo SriLak View, visto che la sera prima siamo riusciti a prenotare al volo una camera su Agoda.  La descrizione su Lonely ci ha affascianto così tanto che non stiamo più nella pelle. Quando arriviamo, però, delusione: sono sinceramente sorpresi del nostro arrivo, ci sembrano colti alla sprovvista. Dopo aver confabulato tra loro qualche minuto ci assegnano una stanza nello scantinato e, quel che è peggio, proprio di fianco alla Moschea che ci sveglierà amabilmente all’alba per i successivi giorni. IMG_3031Cambiare stanza non si può, è tutto “fully booked” e quindi niente camera con vista per noi. Alla fine ci adattiamo visto che la great view ce la possiamo godere anche dalla terrazza erbosa dell’albergo. Il giorno dopo ce lo prendiamo di relax: terrazza erbosa, musica e letture. Verso sera incontriamo due spassosissimi ragazzi che diventeranno i nostri compagni di viaggio per i giorni successivi: Luiss e Brandon, due personaggi da film. Chiaramente surfisti, chiaramente uno australiano e l’altro newyorkese, chiaramente vite pazzesche del genere insegnante-di-scuba-diving-che-gira-per-il-mondo-rincorrendo-l’estate e ex-broker-di-Wall-Street-che-lascia-la-finanza-senza-cuore-per-insegnare-arte-in-un-istituto-di-moda-di-NewYork. Il tutto condito da un umorismo e un’ironia rari nonché una notevole faccia da culo. Rimaniamo talmente affascinati, dalle loro storie, dalle loro vite, dal modo di affrontare ogni situazione con semplicità disarmante, che quando ci divideremo dopo soli 2 giorni e mezzo, sentiremo quel tipico vuoto da abbandono che si prova quando ci si separa da qualcuno che ci ha toccati nel profondo, lasciandoci sballottati, arricchiti e grati.

Post collegati: Sri Lanka; Sri Lanka #1 – Com’è cominciata; Sri Lanka #2 – “E ricorda, un elefante non dimentica niente!”; Sri Lanka #4 – I Denti finti del Buddha; Sri Lanka #5 – STUPAAAAA!!!

Quando le verdure non sono un contorno

Gado Gado

É una delle cucine più varie e ricche del mondo, un po’ per la diversità del territorio – il Paese è composto da talmente tante isole che non ci si riesce a mettere d’accordo sul numero ufficiale – e sopratutto perché la popolazione è composta da più di 300 gruppi etnici. Parliamo dell’Indonesia, che grazie a questa strana conformazione territoriale ha una cucina talmente varia che è quasi impossibile mangiare gli stessi piatti in tutto il Paese.

Ogni regione ha la sua tradizione: ad esempio la cucina di Sumatra ha caratteristiche mediorientali e indiane mentre la gastronomia di Giava è per lo più indigena con influenze cinesi. I piatti dell’est, invece, assomigliano a quelli polinesiani. Immaginatevi la quantità e la miscela di sapori: speziato, salato, fruttato, dolce, fritto e chi più ne ha più ne metta! L’Indonesia accontenta carnivori, vegani, vegetariani, crudisti e.. sì anche noi celiaci! 

Nonostante tutto questo caos culinario ci sono dei piatti cardine della gastronomia nazionale: Nasi Goreng (riso saltato), Gado Gado (mix di verdure), Satay (spiedini di carne marinata) e Soto (minestra di carne e verdura).

Dato che siamo in primavera inoltrata e ci avviamo verso la bella stagione di insalate di riso, capresi e niçoise, il piatto che vi ho preparato oggi è il più ricco di colori e profumi, e si può mangiare sia caldo che freddo: signore e signori ecco a voi il Gado Gado!

Letteralmente significa “miscuglio” ed è uno dei piatti più diffusi della cucina indonesiana. Non è un contorno; non è una insalatona. Ma allora cos’è? Semplice, un delizioso mix di verdure condite con una salsa di arachidi. 

Se state già pianificando un vacanza in Indonesia, avrete l’imbarazzo della scelta talmente tante sono le versioni di Gado Gado che potrete assaggiare; alcune si differenziano per gli ingredienti – diversi per stagionalità o per località – altri per il  condimento o per il modo in cui vengono preparati. Ad esempio il Gado-Gado Boplo, che va per la maggiore a Giacarta, è condito con una salsina di anacardi. Invece il Gado Gado Siram, la variante più diffusa, prevede un condimento fatto con le arachidi.

Questo piatto é un’ottima combinazione di nutritivi adatto anche per chi segue una dieta vegetariana e senza glutine: tofu e uova forniscono le proteine, le patate i carboidrati e i vegetali le fibre! 

Pronti per la mia la mia versione di Gado Gado? Eccola qui.

Ingredienti per 4 persone

Per l’insalata

4 patate medie bollite

3/4 uova sodeverdure

250 gr di tofu al naturale tagliato a cubetti 

1/2 cetriolo

150 gr di germogli di soia

6 foglie grosse di insalata

300 gr di cavolfiore bollito

200 gr di fagiolini lessi

2 carote tagliate a julienne

Per la salsa

150 gr di arachidi tostatisalse

100 gr di latte di cocco

1 lime/ limone spremuto

2 cucchiaini di salsa di pesce             

4 cucchiaini di salsa di soia

1 cucchiaino di zucchero di canna

1 dente d’aglio

Preparazione

Bollite o cuocete al vapore le patate, le uova, i fagiolini, il cavolfiore e una parte dei germogli di soia.

Scaldate in una padella un po’ d’olio di semi e friggete il tofu affinché rimanga croccante ma attenzione a non bruciarlo!

Una volta cotte, tagliate in quattro le patate e le uova; tagliate a julienne le carote e a rondelle non troppo spesse il cetriolo.

In una padella abbrustolite gli arachidi assieme allo spicchio d’aglio, la salsa di soia, la salsa di pesce, lo zucchero ed infine aggiungete il latte di cocco. Se vi piace il piccante potete anche aggiungere un po’ di peperoncino fresco.

Lasciate raffreddare, aggiungete il succo del lìme o del limone, assaggiando per controllare l’acidità. Frullate fino ad ottenere la salsina: se la consistenza è troppo asciutta potete aggiungere ancora del latte di cocco o dell’acqua tiepida per diluire.

Unite tutti gli ingredienti sia quelli crudi, non dimenticate i germogli di soia che avevamo lasciato da parte all’inizio della preparazione, sia quelli cotti e condite il tutto con la salsina di arachidi. Per dare un po’ più di croccantezza potete aggiungere della cipolla fritta: quella che trovate all’ Ikea é ottima, se non avete problemi con il glutine, altrimenti potete friggerla voi.

Un saluto dalla Li/z/etta e alla prossima ricetta ;D

Indonesia – Java, Bali e Isole Gili

DSCF0284

Si fa presto a dire Indonesia. Una parola sola, compatta, che ti fa pensare a un luogo ben definito, uniforme, circoscritto. E, invece, è tutto il contrario.

Intanto è un arcipelago, quindi già per definizione è un luogo dispersivo, andato in pezzi, letteralmente in migliaia di pezzi, se si considera che secondo alcune stime ufficiali è formato da più di 13.000 isole, mentre secondo altre, altrettanto ufficiali le isole sarebbero ben più di 18.000. Insomma, talmente tante che nessuno sa realmente quante siano.

Purtroppo il nostro piano di mollare tutto per girare il mondo è ancora in alto mare, quindi tocca accontentarsi delle 2 o 3 settimane di ferie estive e fare una scelta. La nostra cade sulle tre isole più conosciute: Java, con i suoi vulcani spettacolari, le metropoli e la cultura musulmana; Bali, con la sua aria shabby chic, la filosofia surfista e i templi indù; e le Isole Gili, un arcipelago nell’arcipelago – che se ci pensi troppo ti fa ammattire – con le sue acque cristalline, i tramonti rosa e i calessini trainati da pony.

Due isole e un arcipelago, tre ambienti diversi, tre stili di vita, tre viaggi diversi, per strappare un brandello, il più variegato possibile, ad un Paese già sbriciolato in una miriade di pezzettini. Per orientarvi meglio qui trovate la mappa del nostro itinerario. Un piano audace che ho portato a termine con ben due guardie del corpo: Marco, che già conoscete, e suo fratello Stefano.

DSCF9754

Preparate gli zaini e accumulate tutte le vostre energie perché questo sarà un viaggio bello impegnativo, tra levatacce, sentieri accidentati e mezzi di trasporto di fortuna, come nella migliore tradizione asiatica. Ma vi garantisco che ne varrà la pena.

Vi aspetto per il prossimo episodio.

Scheda del viaggio

Quando: Agosto 2015

Durata: 3 settimane

Con chi: Marco e Stefano

Guida: Rough Guides

Moneta: Rupia indonesiana

Romanzo: Uno sport poco pericoloso – Nigel Barley

Must see: Tempio Borobudur, Vulcano del Bromo e Vulcano Yjen, spettacolo di danze tradizionali balinesi, Ubud e dintorni, tartarughe marine delle isole Gili

Accessori indispensabili: giacca a vento, scarpe da trekking, attrezzatura snorkeling e un fiore bianco balinese tra i capelli

Post collegati: Indonesia #1 – Una fastidiosa compagna di viaggio; Indonesia #2 – TBD; Indonesia 3# – TBD